Face to Face

Con: Luca Alinari, Mirko Baricchi, Ursula Barilli, Lorenzo Bonetti, Giorgio Bonilauri, Pompeo Borra, Attilio Braglia, Sandra Brandeis-Crawford, Marina Burani, Gaspare Calì, Corrado Campisi, Bruno Cassinari, Giuseppe De Luca, Vincenzo De Simone, Artan Derraj, Friedrich Einhoff, Domenico Esposito, Stefano Ferrari, Omar Galliani, Pietro Gallina, Gianfranco Gandini, Luca Ghirondi, Stefano Grasselli, Renato Guttuso, Ludmila Kazinkina, Aurora Lario, Giovanni Laurent, Federico Lombardo, Savina Lombardo, Paolo Maggis, Giovanna Magnani, Alberto Manfredi, Heiner Meyer, Franco Pizzi, Sarah Setchefield, Pier Luigi Sgarbi, Nani Tedeschi, Fabio Valentini, Daniele Vezzani, Wal, Tono Zancanaro

Seducenti, toccanti, spaventosi ed entusiasmanti, da sabato 6 dicembre quaranta e più ritratti e autoritratti di affermati artisti contemporanei saranno esposti Face to face nelle stanze della Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia.

Per gli appassionati d’arte della città, infatti, le festività natalizie saranno l’occasione per visitare la consueta collettiva di pittura, scultura e fotografia che, ogni anno, raccoglie nella galleria diretta da Gino Di Frenna artisti di diversa notorietà, ma di sicuro talento e valore.

Il percorso espositivo, denso di figure e soprattutto di sguardi, si articolerà attraverso una quarantina di opere realizzate dagli anni ‘50 ad oggi. Dai maestri storicizzati come Renato Guttuso e Bruno Cassinari (di cui sarà in mostra uno splendido ritratto del 1956), ai protagonisti della pittura italiana contemporanea come Omar Galliani, Paolo Maggis, Nani Tedeschi e Daniele Vezzani, dagli artisti d’oltralpe come Heiner Meyer, Sandra Brandeis-Crawford e Friedrich Einhoff, alle eccellenze del territorio come Alberto Manfredi e Carla Bedini oltre, naturalmente, ai giovani che la galleria sostiene da sempre come Stefano Grasselli, Artan Derraj, Giovanna Magnani ed Ursula Barilli.

A farci da guida, i versi intramontabili del compianto Mario Luzi, poeta, critico d’arte e amico di tanti artisti fiorentini, in una sintesi indissolubile tra arte e parola.

Alzato il sipario nel 1994 con la grande personale di Giuseppe Uncini, la Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia, che prende il nome dalla metratura della sua prima sede, ha incrementato negli anni spazi ed attività espositiva, presentando oltre 120 mostre dedicate ad artisti nazionali ed internazionali, ma con un occhio sempre rivolto alla promozione dei nuovi talenti. Negli ultimi anni, il grande successo di Kitsch Kitsch Hurrà e l’inaugurazione di un nuovo spazio espositivo in via della Croce Bianca, non una vera e propria galleria, ma una vetrina di idee, per sostenere l’arte e la cultura in tutte le sue forme.

Dal comunicato stampa - Tutti i diritti riservati.

...